L’UNAPOL, riconosciuta con Decreto Mipaf n. 3661 del 06/03/2009, ha presentato un Programma di attività relativo al Regolamento CE 867/2008 come modificato dal Reg di Esecuzione (UE) 1220/11.

 

Tale programma prevede l’attuazione di diverse attività rientranti all’interno delle misure previste dal suddetto Regolamento.

 

La tabella seguente mostra la collocazione delle attività previste dal Programma dell’Unione all’interno dei raggruppamenti di attività ammissibili individuati dal D.M. 22 dicembre 2011.

 

Settore

Attività Ammissibile

Attività proposta nel programma UNAPOL

A) Monitoraggio e gestione amministrativa del mercato nel settore dell’olio d’oliva e delle olive da tavola

a) Raccolta ed elaborazione delle tipologie di informazioni relative al settore, e al mercato, effettuate in maniera organizzata ed integrata

b) L'elaborazione di studi – riguardanti aspetti correlati alle altre attività previste dal programma dell’organizzazione di operatori del settore oleicolo di cui trattasi.

-       Raccolta dati relativi al settore e al mercato dell’olio di oliva;

-       Predisposizione del Disciplinare tecnico per l’olio extravergine di oliva  Alta Qualità ed Ecosostenibile.

B) Miglioramento dell’impatto ambientale dell’olivicoltura.

a) Operazioni collettive di mantenimento degli uliveti ad alto valore ambientale  ovvero a rischio di abbandono con connessa assistenza tecnica.

b) Elaborazione di buone pratiche agricole per l'olivicoltura, basate su criteri ambientali adattati alle condizioni locali, nonché la loro diffusione presso gli olivicoltori e il monitoraggio della loro applicazione pratica.

c) Dimostrazione pratica di tecniche alternative all’impiego di prodotti chimici per la lotta alla mosca dell’olivo.

d) Dimostrazione pratica di tecniche olivicole finalizzate alla protezione dell’ambiente e al mantenimento del paesaggio

-       Interventi di recupero su oliveti abbandonati ed ad alto valore paesaggistico;

-       Realizzazione e applicazione di disciplinari di produzione collettivi basati su criteri ambientali e diffusione presso gli olivicoltori;

-       Realizzazione di campi dimostrativi sulle tecniche di lotta alla mosca dell’olivo alternative all’impiego di prodotti chimici;

-       Realizzazione di campi dimostrativi sulle tecniche di coltivazione, raccolta e trasformazione a basso impatto ambientale, al restauro di olivi ad alto valore ambientale e paesaggistico ed al recupero e riutilizzo dei sottoprodotti dell’industria olearia  allo scopo di diffondere sul territorio e tra gli operatori della filiera olivicola la conoscenza di tecniche agronomiche compatibili con l’ambiente ed utili al mantenimento del paesaggio.

C) Miglioramento della qualità della produzione di olio d’oliva e delle olive da tavola.

a) Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione e connessa assistenza tecnica.

c) Miglioramento delle condizioni di magazzinaggio e di valorizzazione dei residui della produzione dell’olio d'oliva e delle olive da tavola e il miglioramento delle condizioni di imbottigliamento dell'olio di oliva.

d) Assistenza tecnica alla produzione, all'industria di trasformazione oleicola, alle imprese di produzione delle olive da tavola, ai frantoi e alle imprese di confezionamento per quanto riguarda aspetti inerenti alla qualità dei prodotti.

e) Costituzione e miglioramento dei laboratori di analisi degli oli di oliva vergini

f) Formazione di assaggiatori per l'analisi sensoriale dell'olio di oliva vergine e delle olive da tavola.

-       Realizzazione di attività di monitoraggio e controllo del grado di infestazione dei principali parassiti dell’olivo, ad eccezione della mosca dell’olivo,  al fine di razionalizzare gli interventi di difesa fitosanitaria;

-       Attività dimostrative inerenti l’individuazione del periodo ottimale per la raccolta delle olive che consente di massimizzare in termini quali-quantitativi la produzione dell’olio;

-       Realizzazione di campi dimostrativi sull’impiego di attrezzature e mezzi di raccolta tecnologicamente innovativi;

-       Sperimentazione, effettuata, su aziende pilota, di tecniche di stoccaggio e consegna delle olive entro 24 ore miglioratrici della qualità delle olive;

-       Sperimentazione di tecniche atte alla valorizzazione dei residui della produzione;

-       Interventi per la razionalizzazione della fase di stoccaggio delle olive, nonché della fase di trasformazione e confezionamento dell’olio;

-       Costituzione ex novo di laboratorio di analisi a norma di legge;

-       Organizzazione di corsi di formazione di assaggiatori e di capo panel.

D) Tracciabilità, certificazione e tutela della qualità dell'olio d'oliva e delle olive da tavola

a) Progettazione e realizzazione di sistemi di rintracciabilità di filiera certificati ai sensi della norma UNI EN ISO 22005:08 e conformi al Reg. (CE) 178/2002

Realizzazione di un sistema di rintracciabilità supportato da una “piattaforma informatica evoluta” in grado di gestire le informazioni utili agli stakeholders (produttori agricoli e/o loro Associazioni, Autorità pubbliche, Enti preposti alle certificazioni volontarie e consumatori).

b) Realizzazione ed applicazione pratica di sistemi di certificazione volontaria della qualità basati su un sistema di analisi del rischio e di punti critici di controllo.

Sviluppo ed implementazione di sistemi di garanzia di oli extravergini di oliva caratterizzati da specifiche peculiarità oggetto di analisi del rischio e di punti critici di controllo.

c) Realizzazione di sistemi di etichettatura innovativi che consentano di riportare al consumatore le informazioni tracciate nei sistemi di cui al punto 4a). 

Rrealizzazione di una piattaforma crossmediale in grado di veicolare le informazioni digitali e multilingua inerenti la tracciabilità e di interfacciarsi con il sistema di etichettatura innovativo basato su tecnologia QR Code.

E) Diffusione di informazioni sulle attività svolte dalle Organizzazioni di Operatori

a) Diffusione di informazioni sulle attività svolte dalle organizzazioni di Operatori nei campi di cui alle lettere 1), 2), 3), 4)

Diffusione di informazioni sulle attività svolte dalle organizzazioni di operatori: organizzazione di eventi.

Realizzazione di  un video dimostrativo da pubblicare sul canale “Youtube” registrato dell’Unapol

L’ AGEA con Determinazione n. 8416 del 15 marzo 2012 ha approvato il Programma per un importo pari a € 11.757.322,48.

 

Sottosezioni:

 

 

logo agea. logo comunità europea
Progetto realizzato con il Contributo della Comunità Europea e dell'Italia ai sensi del REG.CE 2080/05